Raffaellino del Colle - Purificazione della Vergine e Presentazione di Gesù al tempio

1535-1536
Olio su tela - cm. 195 x 144
Proveniente dalla chiesa di Santa Maria Maddalena
La tela proveniente dalla soppressa chiesa di Santa Maria Maddalena dei Minori Osservanti è stata, grazie ai documenti d’archivio, riportata alla mano di Raffaellino del Colle. Nel tempo aveva subito un tortuoso percorso attributivo giacché era stata inizialmente indicata come possibile opera di scuola fiorentina, poi di Rosso Fiorentino e, infine, del biturgense Giovan Battista Cungi. Nel dipinto Gesù è raffigurato al centro in braccio al sacerdote, con ai lati la Vergine maria e San Giuseppe nel giorno della sua presentazione al Tempio giorno in cui anche la madre, trascorsi 40 giorni dal parto poteva andare al tempio per purificarsi. Le sacre scritture riportano che il sacerdote predì alle madre la sofferenza che avrebbe provato a causa di quell'amato figlio. I due colombi raffigurati in mano alla donna sullo sfondo, simboleggiano la Purificazione.
Per quanto il colore giallastro del dipinto ne oscuri la cromia, è evidente come il disegno piuttosto marcato delle figure e l'effetto coloristico di insieme risentano invece delle esperienze romane del pittore che in quest'opera, realizzata dieci anni dopo L'Assunzione e Incoronazione della Vergine, effettua una sintesi delle varie esperienze.
Mancini, 1832, II, p. 274
Coleschi, 1886, p. 164
Giglioli, 1921, p. 57
Ricci, 1932, p. 63
Maetzke, 1981, p. 328
Franklin, 1990, p. 150-152
D. Pegazzano, Il Museo Civico di Sansepolcro, Montepulciano (Siena), 2001, p. 65
​F. Chieli Il Museo civico di Sansepolcro, Firenze, 2013, p.64