Raffaellino del Colle - Assunzione e Incoronazione della Vergine

1526-1527
Olio su tavola - cm. 382 x 234 - Cornice pertinente e coeva riccamente intagliata
Proveniente dalla chiesa dei Minori Osservanti di Sansepolcro

L’opera fu richiesta a Raffellino dal Colle tramite Fra Felice d’Assisi e Plato Tani e il contratto per il dipinto fu stipulato il 10 marzo 1526. Inizialmente la tela era destinata alla chiesa di Santa Maria della Neve posta fuori dalle mura di Sansepolcro e solo successivamente passò a far parte dell’ex chiesa cittadina di Santa Maria Maddalena. La pala si divide in due parti: in quella inferiore è il sepolcro vuoto circondato dagli apostoli e dai Santi Francesco e Maria Maddalena, mentre nella zona superiore è la Vergine assunta in cielo che, circondata da angeli e cherubini festanti, riceve la corona. Molti sono i rimandi alla pittura romana del Cinquecento: basta guardare l’affascinante Maria Maddalena, posta in primo piano, dalle vesti rigonfie e luminose, che si riallaccia alla tradizione ritrattistica incentrata sulla Velata di Raffaello, e i riccioli luminosi e scultorei dell’apostolo chino sul sepolcro che ricordano molto il fascino esercitato su Giulio Romano dalla statuaria antica. La pittura sciolta e i colori caldi creano un piacevole effetto d0insieme a cui si unisce un esuberante spirito narrativo.
_____________________

G. Mancini, Intorno alla patria, opere e allievi di Raffaellino del Colle, in “Giornale Arcadico”, 70, 1837, p. 290;
L. Coleschi, 
Storia della Città di Sansepolcro, Città di Castello, 1886, ed. anastatica, Bologna, 1989, p.185;
O.H. Giglioli,
Sansepolcro, Firenze, 1921, pp. 60-61;
I. Ricci, Borgo San Sepolcro, 1932, p. 64;
G. Sapori, 
Percorso di Raffaellino del Colle, in “Annuario dell’Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Roma”, I, 1976, p. 186-187;
A. M. Maetzke, 
Il Museo Civico di Sansepolcro, Milano, 1884, p.56-57;
A. M. Maetzke, D. Galoppi Nappini, 
Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1988, p. 80-82;
D. Franklin, 
Raffaellino del Colle: painting and patronage in Sepolcro during the half of the sixteenh-century, in “Studi di Storia dell’Arte”, I, 1990, p. 194;
S. Casciu, 
Dal Rosso a Santi di Tito. La Maniera Moderna nell’Aretino, Venezia, 1994, pp. 46-47;
M. Droghini, 
Raffaellino del Colle, Sant’ngelo in Vado (Pu), 2001, p. 53-55;
D. Pegazzano, 
Il Museo Civico di Sansepolcro,Montepulciano (Siena), 2001, p. 50.