Niccolò di Agnolo del Fantino - La Giustizia

1441
Affresco staccato
Proveniente dal palazzo Comunale

L’immagine, raffigurante la Giustizia, proviene dallo stesso palazzo che oggi ospita il Museo e che un tempo era la sede del Comune; simbolicamente l’opera si trovava nella Sala dove venivano discusse le udienze civili. Fortunatamente di questo affresco disponiamo anche di notizie documentarie: nel 1441 il pittore fabrianense Niccolò di Agnolo del Fantino ricevette per il suo compimento un pagamento di 33 fiorini. Ritrae, su uno sfondo fortemente prospettico, una donna con lunghe e ricadenti vesti che tiene in mano una bilancia con i piatti disposti su uno stesso piano a dimostrazione che la legge è equa per tutti.
______________
V. Chiasserini, La pittura a Sansepolcro e nell’Alta Valle Tiberina prima di Piero della Francesca, Firenze, 1951;
A. M. Maetzke, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1984, p.77;
A. M. Maetzke, D. Galoppi Nappini, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1988, pp. 124, 127;
D. Pegazzano, Il Museo Civico di Sansepolcro, Montepulciano (Siena), 2001, pp. 35-36.