Gerino da Pistoia - Madonna del Soccorso

1502
Stendardo dipinto a tempera su tela, cm. 193 x 131
Proveniente dalla chiesa di Sant’Agostino a Sansepolcro
Il dipinto, firmato e datato 1502 in basso al centro, fu eseguito da Gerino da Pistoia con estrema minuzia decorativa e una vivace volontà narrativa. Vi si narra una leggenda popolare molto cara agli Agostiniani secondo la quale una donna, annoiata dal pianto del proprio bambino, in un momento di rabbia esclamò: “Che il diavolo ti porti!”. Immediatamente comparve un orribile diavolo che avvinghiò il piccolo. La madre impaurita e disperata per quello che aveva provocato si rivolse “per soccorso” alla Madonna che intervenne prontamente scacciando il diavolo e restituendole il bambino.
La raffigurazione vede la vergine nell'atto di colpire con un bastone il demonio che le sta sottraendo il bambino di mano, mentre alla sua destra figura la madre in atto di supplica.

 

_________________

L. Coleschi, Storia della Città di Sansepolcro, Città di Castello, 1886, ed. anastatica, Bologna, 1989, p. 182; O.H. Giglioli, Pitture inedite di Gerino da Pistoia a Sansepolcro, in “Bollettino Storico Pistoiese”, XXV, 1915, 1921, p.51; E. Carli, Il pittore Gerino da Pistoia in Atti del Convegno “Egemonia fiorentina e autonomie locali nella Toscana Nord-Occidentale del Primo Rinascimento: vita, arte, cultura”, Pistoia, 1978; A.M. Maetzke, Il Museo Civico di Sansepolcro, Milano, 1884, p. 60; A. M. Maetzke, D. Galoppi Nappini, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1988, p. 69-70; D.Pegazzano, Il Museo Civico di Sansepolcro,Montepulciano (Siena), 2001, p. 50-51. F. Chieli, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 2013 p. 52-53