Domenico Cresti detto il Passi... - Crocifissione e Santi

Olio su tela

L’opera proviene dalla chiesa dei Minori Osservanti di Sansepolcro e rappresenta la Crocifissione di Gesù con ai lati la Vergine San Giovanni e, in primo piano i Santi Girolamo, Maddalena e Francesco. Si tratta di un tipico esempio di pittura controriformata come dimostra l’accentuazione del dolore dei personaggi e la presenza degli angeli intenti a riempire dei calici col sangue di Cristo. Da ricordare, infatti, che subito dopo il Concilio di Trento (1564), indetto per analizzare e combattere le eresie tedesche, fu consigliata agli artisti la creazione di opere semplici e facilmente comprensibili, che si attenessero al testo biblico e coinvolgessero emotivamente i fedeli. L’opera è stata attribuita alla bottega del Passignano, un artista pienamente apprezzato, assieme a Santi di Tito, per questo genere di creazioni durante i primi decenni del Seicento. Da notare la sua inconfondibile tavolozza cromatica accesa dai riflessi notturni memore delle esperienze venete del pittore.

______________

O.H. Giglioli, Sansepolcro, Firenze, 1921, p.58: A. M. Maetzke, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1984, p.75; A.M. Maetzke, D. Galoppi Nappini, Il Museo Civico di Sansepolcro, Firenze, 1988, p. 1106; Seicento fiorentino D. Pegazzano, Il Museo Civico di Sansepolcro, Montepulciano (Siena), 2001, p. 29